Aziende, Bici design, Tecnologia, Video

Samsung Smart Bike

Samsung Smart Bike è il risultato più entusiasmante di Samsung Maestros Academy, l’esito concreto dell’interazione tra due generazioni, che hanno lavorato gomito a gomito, tramandando e innovando una conoscenza antica attraverso la tecnologia.

Considerando che secondo l’ISTAT in Italia le biciclette restano il mezzo più pericoloso, con il più alto indice di mortalità in assoluto, Samsung Smart Bike rappresenta un grande successo, presentato durante la Milan Design Week 2014 e apprezzato da importanti giornalisti.

Samsung Smart Bike integra all’interno del suo telaio alcuni componenti innovativi (come una batteria, un moduli Wi-Fi + Bluetooth + Arduino, 4 proiettori laser e una camera digitale), controllandoli via smartphone. In particolare la telecamera posteriore permette al ciclista di guardarsi sempre alle spalle, grazie al feed video in real-time trasmesso sullo smartphone Samsung.

Con 4 proiettori laser integrati, Samsung Smart Bike proietta una pista ciclabile luminosa, che porta gli altri guidatori a rispettare la distanza di sicurezza, segnalando la presenza del ciclista anche in prossimità di svolte cieche. Un “safety-environment” responsivo che rileva le condizioni ambientali e protegge il ciclista in tempo reale, ad esempio, accendendo o spegnendo i proiettori laser a seconda della luminosità rilevata dallo smartphone associato.

In aggiunta, è dotata di un sistema di tracking GPS, che tiene traccia dei percorsi più battuti e segnala alle autorità quali occorre convertire in piste ciclabili reali con più urgenza.

Il telaio é stato realizzato dal maestro Giovanni Pelizzoli utilizzando  tubi curvi in alluminio, capaci di neutralizzare le vibrazioni più dannose per il corpo e fornendo un extra-comfort anche sulle strade soggette a forti discontinuità, come quelle delle grandi città.

 

Fonte: samsung maestro academy