Cicloturismo, Video

Josh Reid. Dalla Cina al Regno Unito in bici per 15.000 km

Josh-Reid_cicloturismo_Cina_Europa_1

Josh Reid nel 2019, quando ancora non esisteva la pandemia, decide di tornare a casa dalla Cina in bicicletta. Un’avventura di 15.000 km in solitaria attraversando ben 19 paesi in sella alla sua Giant, e con un’equipaggiamento ridotto all’essenziale, che lo porterà in quattro mesi fino nel Regno Unito.

Il racconto di questo lungo viaggio in bicicletta è documentato in un bellissimo film di circa 30 minuti che si intitola “A bivvy, a phone and a drone: cycling home from China”. Completamente girato da Josh, anche in condizioni difficili e con un’attrezzatura video base, ci fa rivivere tutti i momenti salienti di questa impresa.

Josh-Reid_cicloturismo_Cina_Europa_2
Josh-Reid_cicloturismo_Cina_Europa_3

Josh Reid. Il racconto del viaggio dalla Cina

“Alla fine di luglio 2019, ho iniziato il mio viaggio di quattro mesi, partendo dalla fabbrica Giant’s Kunshan City, appena a ovest di Shanghai. Il viaggio di 15.000 chilometri mi avrebbe portato attraverso 19 paesi.”

“Stavo pedalando su un Giant Revolt Advanced 2 equipaggiata con borse Arkel sulla forcella, un Arkel Seatpacker nella parte posteriore e una borsa North Face riproposta a mano con cerniera al manubrio, che conteneva l’attrezzatura invernale di cui non avrei avuto bisogno fino al fine del viaggio per i mesi più freddi in Europa.”

Josh-Reid_cicloturismo_Cina_Europa_6
Josh-Reid_cicloturismo_Cina_Europa_7

“Andavo in bicicletta il più lontano possibile ogni giorno e mi accampavo sul ciglio della strada quando faceva buio, dormendo in un sacco da bivacco. Nessuna tenda. Usando un materassino gonfiabile Robens e un sacco a pelo, ho avuto freddo solo a un certo punto mentre campeggiavo nella terra di nessuno tra il Kirghizistan e il Tagikistan.”

“Il campeggio non era sempre possibile. Ad esempio, la polizia cinese a volte mi ha costretto a soggiornare in un hotel e, in Uzbekistan, tecnicamente devi essere registrato in un hotel ogni tre giorni in cui sei nel paese. Ogni tanto era necessario un albergo o un ostello economico per fare la doccia, caricare l’elettronica e lavare i vestiti.”

Continua a leggere il resto della storia su bikepacking.com

Fonte: Josh Reid on youtube Via: bikepacking.com